Trovare l’anima gemella è importante per una relazione duratura?

Trovare l’anima gemella è importante per una relazione duratura?

Sono tantissime le persone che si chiedono come riconoscere l’anima gemella, la persona perfetta con cui condividere un percorso sentimentale e fare progetti a lungo termine.

Qualunque sia l’approccio alla vita sentimentale capita sempre di chiedersi come riconoscere l’anima gemella, tutto questo a prescindere anche dall’età.

Davanti a domande di questo tipo è bene fermarsi a riflettere, in quanto esistono determinati atteggiamenti che possono mettere a repentaglio la serenità di una relazione di coppia e compromettere seriamente la visione del sentimento dell’amore in generale.

Quali sono di preciso? Uno dei più rilevanti è senza dubbio la convinzione che l’inizio di un determinato percorso sentimentale sia scritto nel destino. Questo approccio irrazionale al sentimento, l’idea che l’incontro dell’anima gemella non sia questione di atteggiamenti e scelte quotidiane, può portare la persona che lo vive a non essere in grado di affrontare le difficoltà che si affacciano innegabilmente in ogni relazione.

Ragionare considerando l’incontro con l’anima gemella come un risultato indipendente dai propri atteggiamenti personali significa vedere gli aspetti negativi e difficili della relazione come un segno dell’impossibilità di portarla avanti.

Sembra banale discutere di tutto ciò, ma si tratta solo di una modalità immatura di vivere le relazioni sentimentali. Chi si comporta così non si rende conto che la felicità in una relazione dipende prima di tutto dallo sforzo comune dei due partner che, dopo il periodo iniziale dell’innamoramento caratterizzato da idealizzazione e irrazionalità, devono fare fronte comune e rendersi conto che la serenità di coppia deve essere perseguita e coltivata quotidianamente, ritagliandosi del tempo tra un impegno e l’altro per parlare di progetti e problemi.

Chiedersi come riconoscere l’anima gemella è quindi in parte errato se non si pensa anche al fatto che, come ho appena ricordato, è solo l’impegno quotidiano a rendere una coppia felice.

Ma allora l’anima gemella non esiste?

Esiste eccome, ma è molto lontana dai luoghi comuni romantici e poco razionali che vengono spesso associati al concetto. Per riconoscere l’anima gemella è necessario assicurarsi che la persona con cui si decide di condividere un percorso sentimentale abbia il medesimo punto di vista sul futuro della relazione e che, soprattutto, consideri il dialogo quotidiano un aspetto essenziale per la serenità del rapporto.

Solo coltivandolo fin da subito – cosa che non sempre viene fatta da chi crede nell’anima gemella e nella comprensione immediata senza bisogno di lunghi discorsi – è possibile porre le basi per un rapporto sereno e utile alla crescita personale di entrambi i partner.

Related posts