Sopravvalutare i figli li rende narcisisti

Sopravvalutare i figli li rende narcisisti

È purtroppo abitudine comune fra i genitori sopravvalutare i propri figli, sia dal punto di vista fisico che intellettuale. Si tratta di una trasmissione del narcisismo che, a detta degli esperti, non porta da nessuna parte e che anzi si rivela controproducente per l’educazione e la crescita del bambino. Un recente studio effettuato dalla Ohio State University di Columbus e dell’Università di Amsterdam, nei Paesi Bassi, ha rivelato che i figli non devono essere sopravvalutati né incitati ad essere i più bravi, pena una crescita sbagliata e addirittura una diminuzione della normale autostima.

I dettagli dell’indagine
La ricerca si è occupata di analizzare oltre 500 bambini nei Paesi Bassi, e i risultati sono stati pubblicati nell’autorevole rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. Lo studio non si è solamente occupato di analizzare il fenomeno dei comportamenti genitoriali, ma anche di analizzare le origini del narcisismo. Detto fatto, ai bambini è stato chiesto di eseguire dei test, per quattro volte nel corso dello studio, con una pausa di sei mesi tra ogni sondaggio. In contemporanea al test, i genitori dei piccoli sono stati invitati a valutare affermazioni di tipologia narcisistica e a condividerle o meno. Affermazioni come ‘il mio bambino è il migliore’ oppure ‘il mio bambino è il più bravo di tutti’, per citare qualche esempio.
Alla fine della ricerca, è emerso che i figli di genitori che sposavano queste affermazioni non solo hanno rivelato una minore autostima, ma si sono proposti come convinti di essere davvero i migliori nel campo.
Possiamo quindi comprendere quanto l’incitamento al narcisismo sia sbagliato, in primis perché durante la crescita il piccolo si scontra con situazioni che fanno crollare le sue convinzioni, in secondo luogo perché questo atteggiamento non serve per niente a aumentare l’autostima. Ciò che serve è, invece, il calore, in quanto i bambini che sono stati trattati con calore e affetto hanno dimostrato di porsi allo stesso livello degli altri e di maturare una buona autostima, utile per la crescita e per affrontare gli impegni di ogni giorno.
Gli stessi ricercatori che hanno eseguito gli studi hanno affermato che i risultati registrati con la ricerca hanno cambiato il loro approccio genitoriale.