Più materia grigia per estroversi e intraprendenti

Più materia grigia per estroversi e intraprendenti

Secondo recenti studi le persone estroverse, ambiziose e intraprendenti avrebbero più “materia grigia” rispetto alle persone che non hanno queste qualità. In particolare, si tratta di una concentrazione di materia grigia maggiore nelle sezioni del cervello che sono coinvolte nelle scelte che presuppongono l’ottenimento di un premio. Queste affermazioni sono il frutto di uno studio condotto dall’Università Brown di Providence, negli Stati Uniti.

Cosa intendiamo per materia grigia?

Si tratta di un insieme di corpi di neuroni che costituisce la corteccia cerebrale, posizionati nella sezione esterna dell’encefalo. La materia viene chiamata in questo modo non perché abbia un colore grigio, ma per poterla riconoscere dalla materia bianca, che rappresenta la sezione più interna del cervello.

Nello studio, gli studiosi hanno letteralmente fotografato il cervello umano con la tecnica dell’imaging a risonanza magnetica, che permette di analizzarne la forma e il contenuto in modo molto sofisticato. Sono stati quindi analizzati i cervelli di 83 soggetti compresi fra un’età tra i 18 e i 54 anni. Inizialmente le persone coinvolte sono state sottoposte a precisi test sulla loro personalità, per valutare il loro grado di ambizione e di estroversione. Solo in seguito è stato misurato fotograficamente il volume del loro cervello.

Dallo studio è emerso che i leader, o le persone che sono portate a diventarlo, presentano una maggiore quantità del volume di sostanza grigia nelle regioni destra e sinistra della corteccia orbitofrontale mediale, rispetto alle altre persone, giudicate introverse in base ai test psicologici. La materia grigia presente nel cervello aumenterebbe inoltre nei soggetti definiti ‘agentici’, ovvero nelle persone che impiegano il loro carattere estroverso per raggiungere gli obiettivi prefissati, rispetto ai cosiddetti ‘gregari’, che impiegano il carattere estroverso nelle occasioni conviviali e non per raggiungere determinati scopi nella vita.

A conti fatti, i leader hanno quindi più materia grigia in assoluto, sia rispetto alle persone introverse sia nei confronti dei soggetti che sono estroversi, ma che non applicano questa dote con scopi ben precisi. È interessante notare che le regioni cerebrali coinvolte sono il giro paraippocampale, che lega la sua funzione a eventi che presuppongono una ricompensa, e il giro precentrale, il giro cingolato e il nucleo caudato, ovvero tutte quelle zone che sono legate in primis al controllo cognitivo del comportamento e in secondo luogo alla pianificazione e alla volontà di comportarsi in un certo modo per il raggiungimento di un premio.